584-goaIl tassista lo guarda male e lui prende a sprangate il taxi. È accaduto alle 5 del mattino: “Ero in macchina”, ricorda Mario. “Andavo verso il posteggio per iniziare a lavorare”, racconta Mario. “In via Donato Somma incontro una vecchia Twingo che si muove, diciamo, in maniera spregiudicata. Improvvisamente frena di colpo all’altezza di Sant’Ilario. Lo affianco e lo guardo storto. Ho capito che il conducente non era lucido. Mi allontano ma quello mi insegue tentando di speronarmi. Come aveva fatto prima, si blocca di colpo e io, per fortuna, riesco a seminarlo. Credevo fosse tutto finito, invece poco dopo, quando ero già al posteggio di via Carrara, quell’individuo spunta a piedi brandendo un tubo Innocenti in mano e inizia a prendersela con la mia macchina (…)

leggi l’articolo completo su Repubblica a questo indirizzo

Last modified: 19 Gennaio 2015