934-khSettimane dense di novità sul fronte dell’innovazione per i taxi: l’arrivo di AppTaxi e quello di MyTaxi si aggiungono a IT Taxi nell’offrire auto gialle via smartphone. E mentre il Tribunale di Milano il 26 maggio ha ordinato lo stop di Uber Pop in tutta Italia, IT Taxi ha chiamato a raccolta i developer, designer, maker in occasione di TaxiHack, il primo hackathon dedicato all’innovazione del servizio taxi, organizzato in collaborazione con Codemotion, una tra le maggiori conferenze tecniche per sviluppatori in Europa, con il supporto di Roma Makers, il Fablab più noto nella Capitale.

La maratona di programmazione organizzata da URI – Unione dei Radiotaxi Italiani si terrà a Roma, il 13 e 14 giugno 2015, presso la Sala Multimediale della Cooperativa Radiotaxi 3570, e coinvolgerà i partecipanti a cimentarsi in una doppia sfida: hackerare non soltanto l’app IT Taxi, ma anche un vero taxi. All’indirizzo http://thetaxihack.eventbrite.com è possibile fare la registrazione. Ci saranno tre premi, dai 2mila ai mille euro.

Sarà su IT Taxi che si concentrerà l’attenzione dei developer, ai quali verrà richiesto di trovare soluzioni disruptive per innovare l’app di URI – Unione Radiotaxi d’Italia – che permette di prenotare, pagare e recensire le auto bianche in oltre 40 città, fino a un totale complessivo di almeno 12mila taxi in tutta Italia: l’obiettivo dichiarato è innovare la mobilità su taxi, garantendo agli utenti soluzioni sempre più smart per agevolare gli spostamenti in città e tra diversi centri. L’app è oggi usata da 100mila utenti e di recente ha introdotto la possibilità di pagare direttamente con carta di credito, non solo via PayPal.

Tante le sfide a cui saranno chiamati gli hacker: implementazione di sistemi di prenotazione in-app sempre più user friendly, introduzione di nuove soluzioni per facilitare la fase del pagamento, dal bitcoin all’implementazione di tecnologie di prossimità, sviluppo di app per dispositivi indossabili, taxisharing, calcolo anticipato dei prezzi delle corse e molto altro.

Leggi l’articolo su il Sole24ore

 

Last modified: 2 Giugno 2015