www.uritaxiNegli ultimi anni il fenomeno dell’abusivismo nel nostro settore ha assunto dimensioni inaccettabili e va debellato una volta per tutte per restituire il TPL non di linea alla legalità. Dopo troppi mesi ormai trascorsi senza ottenere alcun risultato per la categoria, siamo di nuovo a chiedere un incontro urgente con l’Assessore alla Mobilità del Comune di Roma Capitale per avere delle risposte concrete ai gravi problemi più volte rappresentati e che di seguito brevemente riassumiamo:
1- Le autorizzazioni di Ncc non rilasciate in seguito a regolare bando di concorso devono essere immediatamente revocate;
2- I conducenti devono essere in possesso del certificato di abilitazione professionale (CAP) ed essere iscritti al Ruolo dei Conducenti;
3- Le autovetture che svolgono il servizio pubblico devono essere sottoposte a revisione annuale;
4- I veicoli devono essere assicurati con i massimali minimi previsti per legge;
5- Gli Ncc devono rispettare il divieto di sosta in suolo pubblico ove è previsto il servizio taxi;
6- Gli Ncc devono rispettare l’obbligo di rientro alla rimessa quando non sono in servizio;
7 – Il rispetto delle normative vigenti per quanto riguarda l’aspetto contributivo dei conducenti (art. 9 bis L.R. 58/93);
8- Il servizio di noleggio con conducente deve essere svolto soltanto in seguito a regolare voucher, da tenere a bordo dell’autoveicolo e limitatamente alla durata dello stesso.
9 – Eventuali violazioni degli obblighi previsti per Legge, dovranno essere comunicate ai rispettivi comuni che hanno rilasciato la licenza o l’autorizzazione.
10 – I servizi di Ape-car, risciò e tutti gli altri servizi a chiamata che trasportano dipendenti, disabili, navetta shuttle, anche su prenotazione alberghiera, non possono operare in assenza di regolare licenza o autorizzazione come prevede la legge.
11- Qualsiasi strumento innovativo per la gestione del servizio come le App, deve operare nel pieno rispetto delle normative vigenti, diversamente dovrà essere sanzionato secondo quanto previsto dal Codice della Strada.
12 – I servizi di Gran Turismo svolti dai bus nelle tratte fra città e gli aeroporti devono essere immediatamente sospesi, in quanto dichiarati illegittimi dalla recente Sentenza del Consiglio di Stato (n. 645/2102).
13 – Debellare l’adescamento da parte degli abusivi negli aeroporti, stazioni e luoghi di maggiore interesse turistico.
14 – I mezzi adibiti al servizio taxi, per il prelievo e deposito dei passeggeri devono poter accedere in qualunque luogo, isole pedonali comprese, come avviene in tutte le capitali europee.
15 – I turni di servizio devono rimanere rigidamente regolamentati nell’interesse degli operatori e dell’utenza. Non sono accettabili soluzioni diverse che mettano in discussione tale principio, come ad esempio il tassametro a tempo.

Le regole per contrastare l’abusivismo dilagante nel settore del Trasporto pubblico non di linea già esistono, devono solo essere applicate:

ADESSO! Il tempo è scaduto.

In assenza di risposte immediate e concrete metteremo in campo tutte le forme di lotta consentite per ottenere i punti elencati.
Roma, 4.12.2014

URITAXI – CNA – CONFARTIGIANATO – ATA CASARTIGIANI – URI –
CLAAI – UTI – ASSARTIGIANI – FAST – CONFSAL

 

Last modified: 3 Dicembre 2014