645-nvL’amministratore delegato di Nissan Italia Bruno Mattucci consegna al Sindaco del Comune di Ponza, Piero Vigorelli, il primo Taxi-Van 100% elettrico Nissan e-NV200 Evalia per sperimentare  la mobilità elettrica nel servizio di trasporto pubblico durante la stagione di maggiore affluenza dei turisti.

I passeggeri dell’innovativo servizio di taxi, oltre a contribuire alla sostenibilità ambientale dell’Isola, riceveranno informazioni sull’utilizzo della mobilità elettrica  attraverso un gadget digitale. Ponza sarà la prima isola in Italia con Taxi 100% elettrici con la prima unità di Nissan e-NV200 Evalia a zero emissioni.

“Ancora una volta Nissan è pioniere e leader nella mobilità elettrica destinata al servizio di trasporto individuale e collettivo. Dalla città all’isola, il Taxi elettrico si conferma la soluzione ideale per la mobilità pubblica”, ha dichiarato Bruno Mattucci. “Siamo lieti che Ponza sia la prima isola in Italia a utilizzare il nostro primo Taxi-Van Nissan e-NV200 Evalia 100% elettrico, per sperimentare una mobilità in sintonia con l’ambiente, in assenza di emissioni sia acustiche che atmosferiche e allo stesso tempo riducendo i costi di gestione e manutenzione per il benessere e il comfort sia del conducente che dei passeggeri”.

“Ponza è in marcia per diventare un’isola sempre più ecologicamente sostenibile”, ha ricordato il Sindaco Piero Vigorelli. “Per il momento abbiamo trasferito la centrale elettrica in una zona collinare e priva di insediamenti urbani. Fino all’aprile del 2015 era in pieno centro cittadino. A settembre partono i lavori per istallare il fotovoltaico in tutti gli edifici pubblici. Stiamo rifacendo i sistemi fognari e di depurazione.  Abbiamo regolato il traffico, esteso la ZTL e introdotto per la prima volta i semafori e una segnaletica a regola.  Il piano acustico dell’isola ha imbavagliato i fracassoni molesti. Non si contano i tanti interventi di ordinaria manutenzione per rendere Ponza sempre più bella. E dal 1° gennaio del 2017 saranno banditi i veicoli Euro 0-1-2.

Leggi l’articolo su Latina 24Ore

 

Last modified: 23 Giugno 2015