Una traccia di sangue lasciata dal rapinatore sul divanetto posteriore del taxi e le analisi incrociate fatte nell’arco di 2 mesi hanno consentito ai carabinieri, supportati dal Ris di Parma, di individuare l’autore della rapina «a mano armata» verificatasi il 3 febbraio scorso ai danni di un tassista finalese. Si tratta di Antonio Fornaro, 37 anni, di Finale Ligure, denunciato alla Procura di Savona per rapina a mano armata.

Durante un servizio notturno, il tassista aveva caricato il suo cliente-aguzzino alla stazione ferroviaria di Finalmarina. Dopo poche centinaia di metri era stato minacciato con un coltello da cucina e rapinato del telefono cellulare. Mai il rapinatore avrebbe immaginato la reazione del tassista che gli aveva morso la mano con la quale impugnava il coltello mettendolo in fuga. I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Albenga, che stavano già indagando su altre rapine a mano armata fatte in quel periodo, sono riusciti a raccogliere una serie di elementi indiziari che hanno portato a perquisire l’appartamento dell’indagato.

Qui sono stati recuperati gli abiti, le calzature e i guanti compatibili con quelli utilizzati durante la rapina. Infine, messo alle strette, il rapinatore, inchiodato da una traccia ematica trovata sul sedile posteriore del taxi, ha confessato.

Leggi l’articolo completo su

 

Last modified: 13 Aprile 2018