È atteso per oggi il via libera dell’Aula di Palazzo Madama al disegno di legge concorrenza. Prevista la fiducia con il voto in giornata. Si chiuderebbe in questo modo una estenuante parentesi, che al Senato dura da un anno e mezzo. La contesa sull’iter, a meno di sorprese che sembrano a questo punto improbabili, si chiude dunquea sfavore di chi puntavaa riportare il testo in Commissione Industria per alcune ulteriori modifiche.
Il provvedimento dovrà comunque tornare alla Camera, dove i primi segnali politici lasciano intendere che si intensificheranno le richieste per riaprire la discussione. Con un esito sull’approvazione finale che a quel punto potrebbe essere fatale. Il maxi emendamento del governo recepisce in pratica il testo della commissione con alcune date posticipate, in ragione principalmente del notevole allungamento dei tempi rispetto alle previsioni iniziali di approvazione. (…..)

(…..)
Senza dimenticare le spine della contesa Taxi-Ncc.
La legge prevede una delega al governo per il riordino del settorei cui criteri, secondo i tassisti, sono un’apertura di fatto a piattaforme tecnologiche come Uber e Mytaxi.

Ma, senza passaggio in commissione, la delega non può essere rivista. Il ministro dello Sviluppo, Carlo Calenda, alla vigilia del voto di fiducia apre al dialogo ricordando che saranno decisivi i decreti legislativi che seguiranno:

«L’approvazione della delega fornisce al Governo la “cassetta degli attrezzi” . Mise e Mit hanno già incontrato le rappresentanze degli operatorie hanno definito alcuni punti fermi, tra cui l’esigenza di contrastare l’abusivismo e adeguare l’offerta di servizi alle nuove tecnologie». Nei decreti legislativi, aggiunge Calenda, ci sarà «lo stesso approccio collaborativo: gli operatori vanno coinvolti a tutti i livelli, in modo da consentire al Governo di pervenire a un risultato il più condiviso possibile. L’obiettivoè quello di modernizzare, senza stravolgere, la disciplina vigente, mantenendo ben chiarii confinie le caratteristiche del servizio pubblico».

 

Leggi l’articolo completo su

 

Last modified: 3 Maggio 2017