523-abLo straniero sale a bordo dell’auto, i vigili si accorgono che quella vettura non è un taxi e impongono l’alt. Si scatena il far west metropolitano: fuga a cento all’ora e inseguimento a sirene spiegate con quel povero tedesco sul sedile di dietro che trema per la paura, si mantiene forte nelle curve e nelle gimcane fra, fa segni per chiedere aiuto. Il fatto si è svolto a Capodichino quando gli agenti dell’unità operativa della municipale che si occupano dell’aeroporto, guidati dal capitano Enzo Maiolino, si sono resi conto che c’erano tassisti abusivi in azione.

Il volo proveniente da Monaco era appena sbarcato, gli agenti hanno notato due uomini che «agganciavano» lo straniero e lo portavano verso la propria auto. Subito si sono messi sulle tracce degli abusivi e li hanno intercettati all’interno di una delle aree di parcheggio di Capodichino. Erano già in macchina, i due abusivi davanti e il passeggero seduto dietro, quando i vigili hanno imposto l’alt. Da questo preciso momento inizia il far west. L’auto con il passeggero a bordo si muove a folle velocità all’interno del parcheggio. L’uomo tedesco, che poi si scoprirà essere un tecnico specializzato che doveva raggiungere una azienda dell’area industriale, capisce che qualcosa non va e chiede di scendere ma i due uomini lo tranquillizzano. I vigili chiamano rinforzi proprio mentre la vettura abusiva riesce ad uscire dal parcheggio senza fermarsi, approfittando del passaggio di un’altra auto e infilandosi prima che la sbarra sia calata. Libera dal parcheggio, l’auto, una vettura che sarebbe adibita a noleggio con conducente, rallenta. L’autista e il suo compare pensano di essersi liberati del fastidio di quegli agenti della polizia municipale.

Però sbagliano, perché alle loro spalle arriva un’auto a sirene spiegate. Inizia il vero inseguimento. L’uomo tedesco è terrorizzato, l’abusivo procede a zig zag, a folle velocità, fra le altre vetture in uscita dall’aeroporto seminando il panico fra gli automobilisti. I vigili gli sono alle calcagna fino a quando l’auto di una persona impaurita si blocca al centro della strada e impedisce ai vigili di proseguire l’inseguimento. Sono quasi in prossimità della Tangenziale e vedono l’abusivo imboccare la strada a scorrimento veloce e dileguarsi rapidamente: «Avevamo capito che stavano per approfittare di qualcuno – spiega il capitano Franco Polverino della polizia municipale – e immediatamente ci siamo allertati. Ma non avremmo mai pensato a un evento così rocambolesco».

 

Leggi l’articolo su ilMattino.it

 

 

Last modified: 1 Settembre 2015