546-trnUn coltello puntato alla nuca, 3 rapine messe a segno negli ultimi giorni, la quarta, la notte scorsa, sventata perchè la vittima ha reagito. È allarme sicurezza tra i tassisti della città che sospettano che ci sia un’unica persona dietro alle aggressioni avvenute in questo primo scorcio di gennaio. Il cliente chiede di farsi venire a prendere sempre nella stessa zona, tra il quartiere Vallette e la confinante Venaria, si siede sul sedile posteriore dal lato del guidatore e poi estrae il coltello per farsi consegnare i soldi. Il primo caso, il più eclatante, avvenuto nei primi giorni di gennaio, aveva fruttato 1500 euro al malvivente. Poi ancora due episodi, che avrebbero portato nelle sue tasche qualche decina di euro. E, infine, l’aggressione sventata l’altra notte dalla reazione del tassista (…)

leggi l’articolo completo su La Stampa a questo indirizzo

Last modified: 16 Gennaio 2015