834-scSono sedici i bambini che ogni giorno vengono accompagnati a scuola e riportati a casa da un autista: una sorta di taxi, attivato dallo scorso settembre quando il Comune aveva dovuto cancellare il tradizionale scuolabus giallo. Le ragioni sono sempre le stesse: fondi troppo scarsi. Ma non si potevano lasciare senza supporto le famiglie che devono mandare i figli a scuola: per questo l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Enrico Ruggerone, aveva messo in campo un’alternativa, che si è confermata essere meno costosa della soluzione precedente (…)

Leggi l’articolo completo su La Stampa a questo indirizzo

Last modified: 23 Gennaio 2015