720-pwNel mondo ci sono oltre 13mila infrastrutture critiche connesse a Internet, e il 91% presenta vulnerabilità che possono essere sfruttate da cybercriminali per accedere da remoto. Gli Stati Uniti e l’Europa sono le aree maggiormente in pericolo. Lo dice una indagine di Kaspersky Lab, a pochi giorni dall’approvazione dell’Ue della direttiva sulla protezione delle infrastrutture critiche in Europa.

Per infrastrutture critiche (Ics) si intendono i nodi nevralgici dei nostri paesi: trasporti, petrolio e gas, governi, istituzioni finanziarie e mediche, quasi tutte appartenenti a grandi istituzioni. Ci sono stati già esempi nel corso degli ultimi anni: un attacco hacker alla società ucrainache fornisce energia tramite il malware BlackEnergy, ad un’acciaieria in Germania e all’aeroporto di Varsavia.

Leggi l’articolo completo su

ban-ansa

Last modified: 16 Giugno 2021