Partirà a luglio la sperimentazione a Roma del Taxi web, la nuova piattaforma digitale unica dedicata a tassisti e sviluppata da Roma Servizi per la Mobilità che dovrebbe entrare ufficialmente in servizio a partire da gennaio 2019. Il progetto, illustrato oggi in occasione della seduta della commissione capitolina Mobilità che si è svolta presso la sede dell’Aci di via Marsala, mira a velocizzare i servizi a disposizione dei tassisti e degli utenti attraverso una nuova piattaforma web che permetterà all’amministrazione di gestire il trasporto pubblico non di linea. «Puntiamo a far partire la sperimentazione intorno all’estate per entrare in esercizio a gennaio 2019», ha spiegato il presidente della commissione Mobilità Enrico Stefano. Uno strumento che ha tra i suoi obiettivi ridurre al minimo la necessità di recarsi allo sportello, gestire tutti i pagamenti degli utenti in modalità online con carta di credito, automatizzare i controlli di altri enti come Anagrafe, Motorizzazione e Aci, gestire i turni di servizio e le istanze di cambio turno, integrare in un’unica piattaforma anche i servizi amministrativi dello 060609, sia lato ‘client’, sia lato amministrazione interna. «Puntiamo a far partire questa piatraforma intorno all’estate -ha detto il presidente della commissione Mobilità Enrico Stefano- semplificherà tantissimo la vita dei tassisti velocizzando molto i passaggi burocratici, che oggi ancora si fanno con carte e francobolli». «Per noi è un orgoglio mettere a disposizione la nostra struttura per presentare questo progetto perché per noi la mobilità sostenibile è importante ed è un settore in cui ognuno degli operatori svolge la propria parte -ha detto Paolo Riccobono, responsabile del Personale dell’Automobile Club di Roma- Lavorare insieme con l’amministrazione e gli operatori tutti è un grande motivo di orgoglio».

Scetticismo è stato espresso sindacati che hanno assistito alla seduta. «Nonostante la bella prospettiva di questa digitalizzazione -ha spiegato Riccardo Campione di Usb taxi- non si danno risposte sui temi chiave del settore: la semplificazione va bene ma deve andare di pari passo con lo sgravio dei costi. Abbiamo il costo della registrazione all’agenzia delle entrate e il costo delle tasse per il sostituito alla guida, un costo questo che riguarda solo Roma e non altre grandi città come Torino e Napoli. Poi c’è il rinnovo quinquennale della licenza che va abolito finché questo sistema non sarà a regime. Vi chiedo di prestare attenzione alla questione dei costi, se la semplificazione significa soltanto aprire ad altri che vengono a pascolare sul praticello dei tassisti, già troppo affollato, fermiamoci». Secondo Oreste Dottori, della Unica Taxi Cgil «l’80% delle pratiche elencate dovevano essere già oggetto di più di qualche riflessione. Come per la bozza di regolamento, dico che è un peccato vedere denaro pubblico utilizzato in questo modo, perché molto di quello che c’è in questo elenco non funziona, anche senza automazione: non è la sola digitalizzazione la strada per risolvere le problematiche del settore, come la revisione delle tariffe». «Con la massima disponibilità e buona volontà -ha replicato Stefàno- penso che nessuno si sia messo qui al tavolo e abbia detto: questa è la soluzione, prendetela com’è. C’è un percorso di condivisione e disponibilità ad ascoltare ma è chiaro che la digitalizzazione è conveniente. Poi del fatto che la piattaforma abbia aspetti da migliorare, se ne può discutere anche perché a luglio, quando partirà soltanto l’acquisizione dei dati». Rispetto alla revisione delle tariffe, tema rilanciato dai sindacati durante il confronto «sono d’accordo che vadano riviste», ha aggiunto Stefàno.

Leggi l’articolo completo su

 

 

Last modified: 16 Giugno 2021