375-clDa mesi denunciamo l’esplodere dell’abusivismo nel trasporto persone. A conferma di ciò, si moltiplicano i casi di revoche delle autorizzazioni n.c.c. da parte di quei Comuni che dopo l’assegnazione delle stesse a favore delle proprie comunità locali, assistono ad una vera e propria sparizione di questi vettori, che vengono ritrovati sistematicamente operativi in comuni come Firenze.

L’idea però che Firenze sia diventata una zona franca per chi intenda operare al di là delle leggi, trova oggi conferma nell’esplodere di una miriade di contratti di rimessa da parte di garage dislocati sul territorio, con vettori provenienti dai più disparati comuni d’Italia. In sostanza, che il rientro nella propria rimessa comunale sia diventato lettera morta, trova conferma in accordi messi nero su bianco.

Questo fenomeno, nonostante la promessa dell’Amministrazione comunale a combatterlo, ha raggiunto oggi dimensioni che in termini relativi non trovano paragoni in Italia. Tassisti ed ncc regolari, sono letteralmente soffocati dall’abusivismo. Negli ultimi giorni, molteplici sono stati i casi di tensione tra tassisti e soggetti abusivi, ed il rischio – già denunciato – è che la cosa assuma rilievi di ordine pubblico.

Alla luce di ciò, Uritaxi Firenze, prima che l’esasperazione degli operatori del settore esploda nel pieno della stagione turistica, dichiara lo stato di agitazione dei propri iscritti ed invita l’Amministrazione comunale a dare fattiva consequenzialità agli impegni presi sul fronte della lotta all’abusivismo.

 

 

Firenze, 19 aprile 2016.

Il Direttivo Uritaxi Firenze

 

 

 

Last modified: 20 Aprile 2016